Parent Training: Il Sostegno alla Genitorialità

Articolo della Dott.ssa Paola Graziano

Parent Training: Scopi

Essere genitori è un compito arduo che richiede una costante attenzione alla fase di sviluppo del proprio bambino  e al mutare delle sue esigenze e bisogni ed è per questo che il parent training può essere particolarmente utile.

Lo scopo di un sostengo alla genitorialità o parent training (PT) è quello di sostenere i genitori in questo difficile compito, aiutarli a affrontare al meglio le sfide psico-educative, cercando il modo più efficace di comunicare con i propri figli e sviluppare un’attenzione alle emozioni, fondamentali per un sano sviluppo psicologico dei bambini.

All’interno del parent training è possibile poi aiutare la coppia genitoriale a essere maggiormente consapevole dei circoli viziosi che possono dar luogo a comportamenti problematici nei figli.

Inoltre il PT prevede anche l’utilizzo di abilità per gestire situazioni familiari problematiche e l’acquisizione di un atteggiamento orientato al problem-solving, per trovare insieme nuovi modi di affrontarle.

E’ possibile poi lavorare sulle competenze genitoriali, ovvero su quell’insieme di comportamenti e atteggiamenti positivi del genitore che possono sostenere lo sviluppo del bambino e che cambiamo molto in funzione dell’età del bambino stesso.

Parent Training: Competenze da Sviluppare

Tra le competenze che possono essere potenziate all’interno di un percorso di parent training troviamo:

Stimolare lo sviluppo: 

Ovvero interagire con il bambino giocando e proponendo anche piccole sfide per stimolare abilità in crescita ma non ancora pienamente presenti, secondo il principio della zona di sviluppo prossimale, ovvero tenendo a mente il livello di sviluppo potenziale del bambino.

Incoraggiare l’autonomia: 

Lasciare al bambino uno spazio per sperimentarsi con attività nuove che lo incuriosiscono, anche se non è ancora in grado di eseguirle bene, ma sarà proprio attraverso la possibilità di sbagliare che imparerà poi a svolgerle al meglio e a sentirsi efficace.

Contatto fisico:

coccolare, cullare, abbracciare, accarezzare sono comportamenti naturali per ogni genitore, la loro importanza è fondamentale per un sano sviluppo emotivo del bambino e per la sua autostima. Un bambino che riceve consolazione quando lo desidera costruirà un’immagine di sé positiva e degna dell’amore dell’altro. Sentirsi amati e accettati proprio così come siamo è un’esperienza importante e fondamentale per il benessere psicologico.

Stabilire dei limiti realistici:

Non saper negare o vietare qualcosa al momento giusto può avere conseguenze negative sulla relazione tra genitori e figli, come anche sullo sviluppo della personalità dei bambini. Le regole, poche e chiare, sono molto rassicuranti durante la crescita di un bambino, in esse è possibile trovare un contenimento, anche se vengono rifiutate, questo non vuol dire che il bambino non ne abbia bisogno, è importante che esse siano adeguate all’età del bambino stesso e che il genitore sia coerente nel modo di presentarle.

Bibliografia

  • Laviguer, Coutu, Dubeau; Sostenere la genitorialità. Strumenti per rinforzare le competenze educative; Erikson, 2010.
  • Smith, Cowie, Blades; La comprensione dello sviluppo, Firenze, Giunti editore, 2000.
  • Phillips, I non che aiutano a crescere, Feltrinelli, 2001.
  • Attili, Attaccamento e Amore, Il Mulino, 2004.